La magia del lago

La magia del lago

LA MAGIA DEL LAGO DI COMO: IL SOGNO CHE SI AVVERA

Fin da bambina Meaghan sognava il Suo Giorno incorniciato dai meravigliosi paesaggi del lago di Como.

Il sogno e’ diventato realta’. Un centinaio di invitati dagli Stati Uniti e dall’Olanda hanno trascorso quattro indimenticabili giorni sul lago. Al loro arrivo, in ogni stanza, ad accoglierli una Welcome Bag contenente alcuni doni personalizzati e una lettera di Benvenuto. I festeggiamenti sono iniziati il giovedi: e’ stato organizzato un cocktail a bordo di un battello a vapore del 1904 riservato in esclusiva per gli sposi e loro ospiti, l’imbarcazione e’ salpata da Moltrasio e ha costeggiato ville meravigliose e scorci pittoreschi fino a Bellagio, per poi prendere la via del ritorno. All’arrivo, un “Happy Hour” presso Villa Imperiale.

Venerdi’ sera, il Reharsal Dinner e’ stato organizzato nella preziosa cornice di Villa D’Este.

E poi, finalmente, il Grande Giorno. Nella suite dell’Hotel Imperiale di Moltrasio la sposa si e’ preparata insieme alle sue damigelle e testimoni. La sposa ha indossato un meraviglioso abito di Vera Wang, mentre per le damigelle sono stati scelti abiti in taffeta’ color acqua.

Lo sposo ha invece indossato l’abito insieme ai suoi Groomsmen e Best Men presso la villa in Laglio dove avrebbe avuto luogo piu tardi il ricevimento (e dove parte della famiglia soggiornava).

Sono stati organizzati i trasferimenti con pullman per gli ospiti dalle tre residenze dove gli stessi soggiornavano mentre la sposa e il padre sono arrivati in chiesa con un’elegantissima Bentley d’epoca.

La chiesa era addobbata con un tripudio di peonie e rose bianche. Peonie bianche e mughetto per il bouquet della sposa.

La cerimonia e’ stata officiata in italiano cosi’ come in italiano sono state recitate le promesse degli sposi. Un libretto liturgico contenente le traduzioni e l’assistenza di un interprete hanno aiutato gli ospiti a seguire la cerimonia.

Un organista e una soprano professionista hanno eseguito molti brani concertistici e religiosi. Alcuni pezzi sono stati invece eseguiti da alcuni familiari della sposa contribuendo a rendere la funzione piu’ intima e partecipata.

Le damigelle porgevano agli ospiti in uscita preziosi coni di pergamena lavorata contenenti petali e riso per il tradizionale e beneaugurante lancio.

Dopo aver porto le loro felicitazioni agli sposi, gli ospiti sono stati invitati a seguire la coppia a piedi e a discendere con loro una pittoresca scalinata in pietra. Per le signore che indossavano scarpe con il tacco, la sposa ha provveduto a fornire (all’interno di unbusta personalizzata) delle scarpe piu’ comode e simpatiche. Alcune damigelle tracciavano il percorso gettando a terra petali di rosa, e un sax, una chitarra e una tromba accompagnavano il corteo in un’atmosfera unica e suggestiva.

Ridiscesa la collina e scattate alcune foto, gli ospiti sono stati invitati a raggiungere un approdo privato per essere trasferiti via lago presso la villa sede del ricevimento.

Gli sposi sono stati gli ultimi ad arrivare sul posto a bordo di un’imbarcazione in stile taxi veneziano.

Camerieri in divisa bianca erano pronti ad accogliere ospiti e sposi con calici di spumante.

Dopo un ricco aperitivo di benvenuto servito in esterno, gli ospiti si sono accomodati all’interno per la cena servita al tavolo.

La sposa e la mamma della sposa hanno dedicato particolare attenzione alla scelta della mise en place e dell’allestimento dei tavoli: tovagliati bianchi in lino a caduta lunga, fine porcellana bianca e calici in cristallo. Al centro, uno specchio rotondo sul quale posava un vaso di cristallo a stelo lungo sormontato da preziose composizioni di frutta e fiori sui toni del rosa, del blu e del lilla, sul tavolo, altre tre composizioni in vasi piu’ bassi e dalle forme diverse, su ogni piatto, una coppa con petali e candele galleggianti, e altre candele galleggianti nel loro bicchiere sparse sul tavolo, con un suggestivo effetto di duplicazione luci sullo specchio centrale. Eleganti caraffe in cristallo anche per acqua e vino su ogni tavolo.

In esterno, eleganti vasi in vetro con petali e candele galleggianti, e gli alberi fronte lago, ricoperti di mille luci rendevano l’atmosfera ancora piu’ fiabesca.

Un gruppo di sei elementi con una spettacolare voce femminile ha accompagnato la serata, offrendo un’indimenticabile colonna sonora al primo ballo degli sposi, al ballo della sposa con il padre, e a seguire al coinvolgimento nelle danze di tutti gli ospiti.

I tradizionali confetti sono stati predisposti in sacchettini in moire’ con il logo degli sposi ricamato in due colori.

Gli sposi hanno lasciato la villa via lago, salutati fra mille suggestive scintille.

L’agenzia di wedding planning e’ la THAT DAY , le foto di Rajna Cascone Immagini.

Competenze

Postato il

7 giugno 2008

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *